Al termine del match contro il Latina, terminato con il risultato di 4-3 per i Bianchi, sono arrivate le parole del nostro mister Giovanni Ferraro. Di seguito le sue dichiarazioni:

“Abbiamo fatto una partita da Savoia almeno per 75’ siamo stati molto bravi. Oggi per noi era la gara del riscatto, una partita come questa andava vinta, c’era tanto in palio. Faccio i complimenti alla squadra perché ha fatto una grande prova di carattere e orgoglio. Dispiace per il finale, potevamo raggiungere un risultato più rotondo, invece è andata così. L’importante è aver portato a casa i tre punti per la società, per i tifosi e per noi stessi. In Sardegna siamo andati in difficoltà perché l’Arzachena si difendeva bassa e non abbiamo approcciato bene alla gara. E’ chiaro che quando una squadra gioca a viso aperto è più facile anche per noi per caratteristiche. Questa non vuole essere una giustificazione, perché quando giocheremo con squadre che si difenderanno basse dovremmo comunque trovare il modo e la giocata giusta per vincere le partite. Bisogna entrare nella testa dei calciatori, dobbiamo credere in quello che facciamo. Questa è una società che non ci fa mancare niente, disponiamo di una staff dirigenziale di altissimo livello, noi dobbiamo far parlare il campo e essere in grado di regalare gioie alla proprietà e ai nostri tifosi. Ci tengo pubblicamente ad augurare una felice e serena Pasqua a tutti i nostri sostenitori, alla città di Torre Annunziata, oltre che ovviamente agli addetti ai lavori e a tutti coloro vogliono bene alla causa del Savoia”.

In seguito, si è presentato in conferenza stampa anche l’attaccante Caso Naturale, autore di una rete quest’oggi. Di seguito le sue parole:

“Sono davvero contento, ci voleva questo gol. Ringrazio il mister che mi ha dato la possibilità di giocare oggi, mi è stato sempre vicino anche quando non scendevo in campo e sono felice di aver ripagato la sua fiducia e quella della società. E’ stata una liberazione sia per me che per la squadra, una vittoria importante. Il presidente ha voluto darci una scossa in queste settimane, stiamo rispondendo sul campo. Portare questo stemma sul petto è un vero onore, dispiace non essere lì in vetta a lottare per il primato. Ora contano le partite che restano, dobbiamo fare assolutamente il massimo e cercare di vincerle tutte, qui abbiamo la fortuna di avere una grande società alle spalle che non ci fa mancare nulla, tocca a noi adesso dimostrare il nostro valore sul campo”.